Il gusto dei colori: la tavola futurista

Conduttori: Valeria Depalmi, Cinzia Cassinari ed Elisabetta Bernardelli, Cooperativa Educarte

Destinatari: scuola secondaria di II grado

Durata: 4 incontri di 2 ore

Dopo un viaggio nella storia dell’arte, teso a dimostrare come l’iconografia degli alimenti sia una preziosa chiave di lettura per comprendere i mutamenti della società nel corso dei secoli, sarà data particolare attenzione alla tendenza del Futurismo a travolgere anche l’estetica della cucina e a trasformare l’atto di nutrirsi in spettacolo a sorpresa, dove i commensali divengono attori e i cibi opere d’arte, anticipando così i più recenti esiti della Nouvelle cousine. Gli studenti scopriranno la ricca proposta gastronomica futurista avvalendosi del materiale d’epoca: dal gustoso e attualissimo Manifesto della cucina futurista di Marinetti alle descrizioni di banchetti, immagini, prose e poesie sul cibo. Infine non mancheranno accenni al Food design, dove i cibi vengono totalmente progettati dall’uomo in forme che la tecnica produttiva (mutuata dall’edilizia) rende costanti.

EDUCARTE

La cooperativa Educarte, fondata da Valeria Depalmi, Cinzia Cassinari e da Elisabetta Bernardelli, nasce con la consapevolezza che l'incontro diretto con l'opera d'arte svolga una funzione rilevante per la crescita della persona. Il suo scopo è quello di coinvolgere il fruitore in un rapporto di comunicazione e partecipazione attiva con l'opera, nella convinzione che l'arte è patrimonio comune. Tra le esperienze didattiche si citano quelle svolte nel 2002 presso la Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo (Parma) e al Museo d'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato.